12/12/2015, 18:06

progetti e raccolte » PRIMA ACCOGLIENZA DEI CITADINI STRANIERI ABRUZZO

Apertura del Centro Accoglienza per Richiedenti Protezione Internazionale a Roccaraso

 

Roccaraso, 26/08/2016

 

 

PRIMA ACCOGLIENZA PER MIGRANTI PRESENTI SUL TERRITORIO PROVINCIA L’AQUILA - ROCCARASO

 

          L’Associazione Valtrigno O.N.L.U.S. continua con l’impegno per l’Accoglienza dei Richiedenti Asilo Politico per gli migranti provenienti dal Nord Africa. Attualmente intraprendiamo una nuova sfida, focalizzando tutte le nostre forze, insieme alla precedente esperienza, per avviare un nuovo Progetto d’Accoglienza che ha inizio il 29 Maggio 2016, nella località di Roccaraso, provincia di L’Aquila.

 

        Sempre con l’obbiettivo principale di restituire la dignità e la sicurezza ad un gruppo di persone altamente vulnerabili, fin oggi (26 Agosto 2016) abbiamo accolto al incirca di 113 migranti, provenienti dai paesi del Nord Africa e dal Eritrea, portando ognuno una esperienza e un percorso di vita, traumatica e d’innegabili difficoltà; che ci spinge con tutte le forze a offrirli uno standard di assistenza dignitosa per ogni persona.

 

      Sappiamo che in questi momenti di crisi che stanno attraversando tutti gli italiani è molto difficile credere nella fattibilità di questo progetto. Pero la nostra esperienza, il nostro impegno e la nostra energia ci fa credere che è possibile ottenere dei risultati positivi.

 

      In questo nuovo progetto di Accoglienza, sono state avviate tutte le procedure standard per l’assistenza base alla persona e l’assistenza di Accoglienza dei Richiedente Asilo Politico. Contemporaneamente sono state attivate anche le seguente procedure e attività:

 -Assistenza Sanitaria.

-Insegnamento della Lingua Italiana.

-Supporto e assistenza Sociale e Psicologica.

-Relocation e Raggiungimento familiare.

-Attività sportive: squadra di calcio, squadra di ping pong.

-Attività integrativa con la comunità: Gruppo di danza folclorica  “Flasmob dance nel mondo”.

                                                            Laboratorio Teatrale.

-Attività di cooperazione dentro la struttura: come la preparazione e condivisione del cibo africano

 

e altre attività che ci permettono raggiungere non solo il nostro principale obbiettivo della Accoglienza, anche l’obbiettivo          di cercare di crearli un futuro migliore.

 

 



Torino di Sangro, 31/05/2016

 

Relazione di Chiusura Struttura per Accoglienza Torino di Sangro – Valtrigno O.N.L.U.S.

 

          L’Associazione Valtrigno O.N.L.U.S. incaricata nella gestione del Centro di Accoglienza Temporaneo a Torino di Sangro, da inizio all’attività il 25 Giugno 2015 garantendo l’Accoglienza dei Richiedenti Asilo Politico a un intenso flusso migratorio, concludendo questa gestione il 31 Maggio 2016.

 

         Il nostro ruolo è stato e rimane ancora, il garantire gli standard di assistenza dignitosa alla persona; assistenza stabilita dal trattato del ’51. Con l’assistenza di base per la prima accoglienza, con la erogazione dei pasti e dei prodotti per l’igiene personale. E’ stata garantita ad ognuno l’assistenza sanitaria di base, finalizzata al trattamento delle prime emergenze mediche. I servizi sanitari sono stati garantiti durante tutto il percorso, attraverso il lavoro svolto dagli operatori sanitari presente in struttura, con il supporto delle risorse messe a disposizione dalla Valtrigno ed il lavoro di rete con le struttura sanitarie presenti nel territorio, assicurandoli un ottimo stato di salute per ogni migrante.  Contemporaneamente sono state attivate tutte le procedure amministrative e legali, per l‘identificazione e riconoscimento di ognuno, con l’obbiettivo di cambiare lo status di clandestino a cittadino richiedente asilo politico. E stata data attenzione all’integrazione dell’individuo, attraverso l’insegnamento della lingua italiana, la pratica delle attività ricreative e sportive; tutto questo con la partecipazione del personale qualificato, quali,  assistenti sociali, operatori, psicologo e mediatori culturali, con il dominio delle lingue inglese e francese. Nel rispetto delle loro radici, è stata permessa e condivisa la pratica delle attività religiose e culturali, con attenzione ad offrire una dignitosa permanenza dentro la struttura. Principalmente gli abbiamo preparati, accompagnati e supportati nel percorso del Riconoscimento Asilo Politico.

               

Cercando di quantificare un pò il lavoro svolto durante questo percorso, possiamo concludere che:

 Sono stati accolti un totale di 169 migranti.

Erogati un totale di 29394 pasti giornalieri (collazione, pranzo e cena), sempre nel pieno rispetto della loro religione.

Consegnati un totale di 29394 pocket money.

                Tutti i richiedenti sono stati costantemente supportati dal punto di vista sociale e psicologico durante tutto il percorso.

È stato previsto l’insegnamento della lingua italiana mediante la presenza di professionisti con conoscenza delle lingue inglese e francese. L’apprendimento della lingua è stato possibile anche attraverso il lavoro dei volontari e degli operatori garantendo l’integrazione sociale dell’ individuo.

 

È innegabile che non sia stato un cammino facile, né comodo, tutt’altro, considerato l’elevato numero di ospiti, la varietà dei paesi d’origine, lingue, religione, abitudini e usanze; tuttavia lo sforzo è stato sempre orientato a “far sentire a casa” persone che hanno incontrato lungo il loro cammino innegabili difficoltà. Ma gli sforzi vengono compensati quando gli ospiti della struttura accettano ed rispettano le regole date, anche quelle che per loro non sono facile da accettare, ma necessarie per l’integrazione dentro una comunità  che li ha accolti.

 

Come risultato finale di questo percorso lavorativo,  abbiamo ottenuto il Riconoscimento della Protezione Internazionale per quattro  dei nostri ospiti.

 

Ed è questo il motivo per il quale ci si impegna ogni giorno e ci fa credere che il nostro operato ha un preciso e utile obbiettivo, un lavoro incalcolabile nel quale il migrante diventa un Richiedente Asilo Politico e poi può diventare un membro effettivo, utile e disponibile dentro le comunità locali, pur troppo no nella quantità che vorremo.

 

Progetto al quale ci crediamo per la sua enorme carica umanitaria che coinvolge emotivamente e attivamente a tutti quelli che partecipiamo. Ci rende orgogliosi e sodisfatti del percorso fatto. Con la certezza che si può fare ancora di più. Non solo abbiamo fatto, anche abbiamo ricevuto e imparato tanto delle loro culture e qualità umana.

 

Resta solo dire un GRAZIE. E continueremo con altri Progetti di Accoglienza perché siamo sicuri di poter restituirgli dignità e sicurezza a questo gruppo di persone alla ricerca di un futuro migliore.





Struttura situata aTorino di Sangro - Camping Sangro

 f"L'Associazione Valtrigno ONLUS è in prima linea nell'accoglienza dei Richiedenti Asilo Politico giunti in Italia durante le recenti ondate migratorie da Nord Africa e Asia. Per far fronte a un fenomeno delle dimensioni di una vera e propria emergenza umanitaria, abbiamo schierato le migliori forze del territorio adunando un team di volontari altamente qualificati. Come molti sanno, le migliaia di uomini, donne e bambini che hanno intrapreso il viaggio verso l'Italia fuggono da situazioni spesso traumatiche. La sfida che ci siamo assunti è accompagnarli in un percorso che parte dal restituirgli dignità e sicurezza, passa attraverso la difesa dei diritti fondamentali (come cibo, alloggio, salute) e punta a facilitare un ingresso sereno all'interno della comunità di destino. Per fare ciò, Valtrigno ONLUS ha messo in campo il meglio delle proprie energie."
Questo progetto è cominciato il 25/06/2015, giorno in cui abbiamo aperto le porte a circa 100 migranti. L’obiettivo è di provvedere all’assistenza e protezione ed allo stesso tempo identificare e rispondere ai bisogni dei gruppi maggiormente vulnerabili. Da quel momento in poi, abbiamo assicurato un alto livello di assistenza alla persona su diversi fronti, fino a strutturare un’organizzazione puntuale che li accompagnerà nel loro percorso di integrazione.
Non pochi sono stati i problemi all’inizio, con giovani disadattati che con sguardi e occhi umidi di lacrime ci facevano capire le loro avventure fatti di ricatti di violenze e altre barbarie ricevute da bestie umane, che senza cuore si divertivano sui loro corpi.
Molte sono state le polemiche da parte di qualche italiano, noi stessi accusati di interessi o di speculazioni, credeteci non è vero, i nostri cuori si sono aperti subito nei loro confronti, siamo volontari prime di ogni cosa e poi dalla storia abbiamo imparato cosa significhi gli esodi di gente che fugge davanti a ricatti, fame, ideologie politiche ma che hanno tanta voglia di vivere.
I nostri ragazzi da tutta la provincia di si sono portati verso il nostro campo per gestirlo con amore e sentimenti, abbiamo e stiamo lavorando con passione e subito si sono visti i risultati, abbiamo dato assistenza sanitaria, linguistica con una preparazione sociale di inserimento nelle nostre comunità.

 

 

Categorie

» progetti e raccolte